logo loading
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Morbi eu nulla vehicula, sagittis tortor id, fermentum nunc. Donec gravida mi a condimentum rutrum. Praesent aliquet pellentesque nisi.
Image thumbnail

La Storia

Da oltre tre generazioni la famiglia Tacchino produce vini di riconosciuta qualità. Alessio e Romina rappresentano la nuova generazione, ereditano la passione per queste terre dal nonno fondatore e dal padre Luigi e, con il supporto di tecnologie per la produzione e la consulenza di esperti enologi, aggiungono valore a un vino già buono per tradizione.
L’Azienda Vitivinicola Tacchino nasce a Castelletto d’Orba, nell’Alto Monferrato piemontese, verso la seconda metà del secolo scorso. Tra queste terre prestigiose e ricche di tradizione inizia la produzione del bianco Gavi e dei rossi Dolcetto d’Ovada e Barbera del Monferrato che rimangono ancora oggi le perle più preziose dell’azienda. Insieme a queste, grazie all’amorevole e sapiente lavorazione di queste colline e delle uve da esse generate, ha prodotto nel tempo vini altrettanto preziosi che affiancano quelli più tradizionali.

La famiglia

La famiglia Tacchino ha imparato dagli avi contadini a prendersi cura del vino come se fosse un figlio.
Il vino è vivo: nasce, cresce, si evolve e matura. Solo con una dedizione totale e un’attenzione continua può sviluppare tutte le sue potenzialità e restituire emozioni profonde attraverso le sue numerose sfumature di gusto, corpo e profumo.

Sono Romina e Alessio che oggi seguono tutta la produzione dell’azienda. Grazie al supporto di nuovi strumenti tecnologici per la coltivazione, alla supervisione di agronomi molto preparati, all’affiancamento di esperti enologi durante il processo di vinificazione, a continui e rigorosi controlli in vigneto e in cantina, oggi i vini Tacchino hanno aggiunto valore e riconoscimenti a un vino che la tradizione aveva già reso stimato. Facendo tesoro degli insegnamenti dei loro avi contadini, che per primi hanno evidenziato l’anima vitivinicola della loro Terra, i due fratelli hanno saputo lavorare il linea con la tradizione seguendo la strada del fondatore, l’amato nonno Carletto e, al contempo, proiettarsi verso il futuro.